Imperdibile visita a Zuccarello

A viaggiare e scoprire nuovi posti, si sa, non ci si stanca mai.

Ed è proprio con la bella stagione che a noi piace andare al mare a passeggiare, ascoltando il rumore delle onde, per poi perderci nell’entroterra alla ricerca di borghi storici e suggestivi.

Mentre eravamo ad Albenga siamo andati alla scoperta di Zuccarello, che si trova in Liguria nella provincia di Savona.

Questo paesino dell’entroterra ligure, che si trova a pochi chilometri dal mare, conta circa 300 abitanti e ci ha incantati con la sua atmosfera magica.

I borghi liguri mi affascinano perché sono vivaci e allo stesso tempo hanno un non so che di romantico con i loro colori chiari e tenui.

Oltre a Zuccarello, in Riviera di Ponente ho visitato anche Finalborgo e Cervo e ve li consiglio se siete amanti come me dei borghi marinari!

Cosa vedere a Zuccarello

La prima cosa che ho amato di questo posto, che fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia, è stata la sua porta di ingresso principale, Porta Soprana, che è antichissima e completamente intatta.

In questo luogo silenzioso, abbiamo passato la prima mezz’ora a girare per i caruggi antichi, rapiti dalla fisionomia del borgo.

Zuccarello
scorci di Zuccarello

Se andrete a visitare Zuccarello vi renderete conto anche voi di quanti dettagli nascosti troverete vagando per i vicoli del paesino.

Ogni stradina è adornata da piante e altri oggetti dal fascino artistico, che sono disseminati per il borgo e fanno subito capire quanto gli abitanti curino il loro paese.

Vi riassumo in pochi e semplici punti tutto quello che abbiamo amato di Zuccarello.

#1 I portici e i caruggi di Zuccarello

Zuccarello
Portici di Zuccarello

Le particolarità del borgo sono senza dubbio i numerosi portici che ritroverete in ogni angolo.

Noi abbiamo passato almeno mezz’ora a curiosare tra i vicoli alla ricerca di dettagli nascosti, ammirando i palazzi storici e colorati.

Oltre a questo, troverete anche delle botteghe tipiche e dei ristorantini che non sembravano niente male!

All’interno del centro storico abbiamo avuto modo di notare come molti stranieri abbiano scelto questa oasi di pace come residenza, ammaliati dal fascino storico e medievale che emana il paese.

Sicuramente innamorarsi di questo luogo non è difficile, anzi chi è che non desidererebbe vivere in un borgo medievale a pochi minuti dal mare, dove poter godere della brezza marina e della frescura del torrente Neva che attraversa il borgo?

# 2 Porta Soprana e Porta Sottana

Porta Soprana Zuccarello
Porta Soprana

Si può entrare nel borgo da due punti di accesso, che sono rispettivamente Porta Soprana e Porta Sottana.

La porta principale di accesso al centro storico è Porta Soprana, da cui si scorgono i primi palazzi colorati del borgo e un torrione antichissimo di origine medievale. Da questo punto sentirete scorrere il torrente Neva, che renderà imperdibile la vostra visita a Zuccarello.

Dalla parte opposta del borgo si trovano invece Porta Sottana e la statua di Ilaria del Carretto, la cui famiglia conquistò il feudo di Zuccarello nel Medioevo.

Anche vicino a Porta Sottana si erge un torrione che ricorda le origini antiche del paese.

# 3 Il ponte medievale, detto anche romanico

Zuccarello
Il Ponte medievale di Zuccarello

In un vicolo laterale, che troverete partendo dalla via principale che divide in due il centro del paese, vedrete un arco che si affaccia sul famoso ponte medievale di Zuccarello, conosciuto anche, erroneamente, come ponte romanico.

Questo ponte è tutto in pietra ed è antichissimo ma perfettamente conservato. Si trova sul torrente Neva e offre una visuale davvero piacevole. Non ho potuto fare a meno di notare le case che si affacciano sul ponte medievale e che sono ancora abitate e tenute alla perfezione.

Ponte medievale di Zuccarello

Noi ci siamo fermati a contemplare il panorama dagli scalini in prossimità del ponte, che si avvicinano alle sponde del fiume.

Siamo rimasti qui qualche minuto a pensare alle bellezze che abbiamo nella nostra splendida Italia, che a volte rimangono timidamente nascoste, in attesa che qualcuno le scopra e se ne innamori.

Dev’essere veramente bello svegliarsi al mattino con una vista d’eccezione e il mare a due passi!

# 4 Chiesa parrocchiale di S. Bartolomeo

Questa chiesa si trova all’interno del centro storico e la noterete per il suo campanile altissimo che sovrasta il borgo.

Le sue origini sono antichissime proprio come quelle del borgo. Si dice che la chiesa sia addirittura precedente a tutte le altre costruzioni del paese.

Oltre alla Chiesa di San Bartolomeo, che mi è piaciuta in particolar modo per i suoi colori pastello, nel borgo si trova anche l’Oratorio di Santa Maria Nascente.

# 5 Il castello di Zuccarello

Sopra il borgo si erge il castello di Zuccarello di cui ormai rimangono soltanto dei ruderi. Potrete raggiungere il castello attraverso una passeggiata in salita per godere del panorama circostante e della tranquillità del posto.

Si dice che il castello avesse delle origini addirittura precedenti a quelle del borgo e che venisse utilizzato per la protezione del territorio della Val Neva, insieme al castello di Castelvecchio di Rocca Barbena.

# 6 Il sentiero di Ilaria del Carretto

Dal centro storico di Zuccarello ad un certo punto abbiamo trovato una freccia che indicava un sentiero per Castelvecchio di Rocca Barbena.

Sono solamente due chilometri e mezzo ma tutti in salita, dunque è necessario impiegare qualche ora per percorrerlo interamente e ritornare al punto di partenza! Noi purtroppo siamo arrivati a Zuccarello nel tardo pomeriggio e non abbiamo fatto in tempo ad intraprendere questo cammino.

Sono certa che tornerò ancora in questo posto a pochi chilometri da Albenga per continuare ad esplorare tutta la zona!

Mi piacerebbe percorrere il sentiero di Ilaria del Carretto quando farà meno caldo e visitare il borgo in altre stagioni e durante le festività, per esempio durante la rievocazione storica del matrimonio di Ilaria del Carretto che viene organizzata a luglio.

Zuccarello
Dettagli di Zuccarello

Mi piacerebbe anche assistere alle manifestazioni che si tengono durante la festa patronale di San Bartolomeo, che si celebra il 24 agosto.

Voi siete mai stati nei borghi dell’entroterra ligure? Io per tanti anni sono andata in Liguria considerando solo le località sulla costa, non rendendomi conto delle bellezze che avevo a due passi da me!

Share this: