Villanova d’Albenga: non solo aeroporto

Ho sempre sentito parlare di Villanova d’Albenga per il suo aeroporto ma non avrei mai immaginato che questo luogo fosse anche un borgo antichissimo.

Nelle scorse settimane ci siamo divertiti a girovagare per la Liguria, nei dintorni di Albenga e Finale Ligure. Vicino ad Albenga, nel savonese, abbiamo avuto modo di scoprire una meta dal fascino inaspettato.

L’entroterra ligure è ricco di borghi medievali; noi in pochi giorni avremmo voluto visitarli tutti ma è stato impossibile perché sono veramente tanti!

Torneremo sicuramente in Liguria per scoprirne di nuovi e per percorrere dei sentieri immersi nella natura.

Tra un bagno e l’altro nella Riviera di Ponente, ci piace infatti intervallare la vita da spiaggia ad una visita nei paesini. Ve li consiglio soprattutto per cena, dove troverete dei locali meno turistici e più caserecci in dei luoghi suggestivi!

Di seguito un rapido excursus sulle attrazioni che ci sono piaciute di questo paese.

Il centro storico di Villanova d’Albenga

Non appena arrivati, abbiamo parcheggiato l’auto al di fuori del centro storico vicino ad un torrente, per poi addentrarci nella piazza principale di Villanova, che è piena di localini.

Dalla piazza principale noterete subito le mura in ciottoli di fiume che circondano il paese e la presenza di numerose torri, che sono ben dieci, costruite a scopo difensivo.

Villanova d’Albenga venne costruita intorno al 1250 proprio per volere della vicinissima Albenga per difendersi dagli attacchi dei Marchesi di Clavesana.

Quello che ci ha colpiti di più, oltre alla valenza storica del paese, è senza dubbio la tranquillità che si percepisce tra i vicoli del centro, adornati da piante e fiori.

Villaniva dAlbenga caruggi
Caruggi di Villanova dAlbenga

All’interno del borgo abbiamo notato anche un pozzo medievale che veniva utilizzato dagli abitanti del luogo per avere a disposizione l’acqua potabile.

La cinta muraria è quasi completamente intatta nonostante il passare dei secoli. Ci sono diverse stradine che vi condurranno anche al di fuori delle mura, dove potrete osservarne il perimetro esterno e rendervi conto del perfetto stato di conservazione delle stesse.

centro Villanova Albenga
scorci del centro storico

Come arrivare e dove mangiare

Se arrivate da Torino, potrete raggiungere Villanova d’Albenga in auto prendendo l’autostrada Torino-Savona, proseguendo poi sulla Genova-Ventimiglia in direzione Ventimiglia, uscendo ad Albenga e continuando in direzione di Villanova.

Sempre nei dintorni potreste decidere di visitare anche Zuccarello, che fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia, e Castelvecchio di Rocca Barbena.

Per mangiare a Villanova d’Albenga avrete solo l’imbarazzo della scelta. Potete decidere se fermarvi all’interno del borgo in osterie tipiche, o come abbiamo fatto noi, nella piazza principale al di fuori del centro storico per un aperitivo.

Insieme agli stuzzichini, ho abbinato un calice di Pigato, il vino bianco tipico ligure, osservando dal di fuori le imponenti mura del borgo.

Pigato

Proprio a metà luglio, si svolge qui la Festa in Ti Caruggi, che invita le persone a scoprire il fascino dei vicoli, chiamati in Liguria proprio caruggi, attraverso delle degustazioni di prodotti tipici accompagnate da un buon vino.

Non ho avuto l’opportunità di scoprire il borgo in festa, ma avrei voluto assistere ad uno dei tanti eventi organizzati dalla pro loco del paese, come la rievocazione storica che si tiene in agosto.

I borghi in festa ricordano la storia e le tradizioni dei luoghi. Attraverso le sagre abbiamo l’opportunità di scoprire le abitudini culinarie dei luoghi.

Tramite le rievocazioni storiche, invece, scopriamo gli usi e i costumi di tempi passati, che sono riportati in vita grazie ai ricordi.

A voi piace girare per borghi? Quali avete visto, e vi sentite di consigliare, della Liguria?

Fatemelo sapere nei commenti!

Share this: